Quando è obbligatorio nominare l’amministratore di condominio?

Pronto24 Dipronto24

Quando è obbligatorio nominare l’amministratore di condominio?

La nomina di un amministratore di condominio è obbligatoria quando i condomini sono più di otto. Pertanto, se nel palazzo ci sono fino a otto proprietari di appartamenti questi potranno fare a meno di nominare un amministratore. Tuttavia, non per questo si può dire che non esiste un condominio: difatti il condominio si forma non appena la proprietà dell’edificio è divisa almeno tra due persone. Quindi già con due condòmini si forma in automatico un condomìnio, senza bisogno di votazioni o altri adempimenti.

Il fatto che la nomina dell’amministratore è obbligatoria se i condomini sono più di otto non toglie che questi possa essere comunque nominato anche se i condomini sono in numero inferiore; c’è comunque bisogno della medesima maggioranza assembleare prevista per la nomina “obbligatoria”. È nullo il regolamento di condominio che riserva la funzione di amministratore a una determinata persona o all’appartenente a una determinata categoria, scavalcando di fatto l’assemblea. Per la stessa ragione l’amministratore nominato dal costruttore può essere sostituito da quello nominato dall’assemblea; del resto una nomina di tal tipo sarebbe in conflitto d’interessi visto che l’amministratore sarebbe tenuto ad agire contro la società costruttrice in caso di contestazione sulla cattiva esecuzione dei lavori.

 

Info sull'autore

Pronto24

pronto24 administrator

Commenta